RASSEGNA STAMPA > Comunicati stampa

  
Pubblicato il
13/05/2017
Tag:

 CS 16 - OrdineIngegneriVerona_Conf.Stampa_MostraOpen6_VERONAINCANTIERE_.pdf
VERONA IN CANTIERE. Gli scatti fotografici dello Studio Oppi
Quarto appuntamento della Rassegna #Open6 INNOVISIONI. Sabato 13 maggio 2017 dalle ore 10 alle 12 il convegno di apertura.

Verona 13 maggio 2017 – L’Ordine degli Ingegneri di Verona inaugura sabato 13 maggio alle ore 10 con un convegno di apertura una nuova e imperdibile esposizione fotografica dal titolo: VERONA IN CANTIERE. Gli scatti fotografici dello Studio Oppi”. In mostra un ricco patrimonio di immagini inedite firmate dallo Studio fotografico Oppi che raccontano la trasformazione urbana di Verona negli anni tra le due guerre.

Allestita negli spazi del Magazzino 1 - sede dell’Ordine – Via Santa Teresa 12 – con Ingresso libero (orario: lun-ven ore 9 – 18), l’iniziativa è promossa e realizzata in collaborazione con il Comitato Rionale Filippini - destinatario del lascito fotografico dello Studio Oppi -, con l’associazione Agile e grazie al sostegno di AMIA Verona.

Al convegno di apertura intervengono i curatori della mostra e del volume VERONA IN CANTIERE. Gli scatti fotografici dello Studio Oppi”: Angelo Bertolazzi e Ilaria Segala per l’Ordine degli Ingegneri, l’architetto Michele De Mori, presidente dell’associazione Agile e Erika Bossum, Pierantonio Turco, presidente del Comitato Rionale Filippini e Silvana Xamo referente cultura del Comitato. Presente a portare il saluto dell’amministrazione comunale Gian Arnaldo Caleffi, architetto e assessore alla pianificazione Urbanistica del Comune di Verona e Andrea Miglioranzi,  presidente di AMIA Verona.

LA MOSTRA - L’esposizione presenta ventiquattro fotografie originali (delle 103 catalogate) raggruppate in cinque macrosezioni che mostrano i cantieri per la costruzione della Caserma Ettore Crippa, sede del IV Autocentro (1); i lavori per il Palazzo dell’INA a Porta Nuova (2); quelli alla Centrale idroelettrica Sorio Nuova (3); le Sistemazioni stradali in via Sant’Alessio, Regaste Redentore e Interrato dell’Acqua Morta (4) e, a chiudere, l’ordinaria manutenzione ai sottoservizi e alle reti dei trasporti in Piazza Erbe e Centro Storico (5).

Le immagini - cui nell’allestimento curato da Diego Martini e Giulia Lopez (Galleria Fuori le Mura) è dato volutamente massimo risalto - sono accompagnate da pannelli descrittivi che ne spiegano il contesto storico-sociale, l’impianto tecnico e la precisa datazione.

LA CURIOSITA’ – Una immagine degli anni Trenta ritrae anche l’illustre veronese Berto Barbarani che, con l’immancabile cappello calcato sugli occhi e il bastone al braccio, guarda attento i lavori di posa del selciato in porfido in Piazza Erbe – Via Cairoli, in seguito al cantiere ai sotto servizi e alle reti dei trasporti. (Impresa esecutrice dei lavori Calzolari Giovanni 1939. Lastra su vetro 13 x 18 in bromuro d’argento).

LA PUBBLICAZIONE – Le sezioni della mostra vengono inoltre approfondite nell’omonimo volume “VERONA IN CANTIERE. Gli scatti fotografici dello Studio Oppi” in cui gli autori – Angelo Bertolazzi, Ilaria Segala Erika Bossum, Michele De Mori e Silvana Xamo – fanno seguire ad un saggio iniziale sulle trasformazioni di Verona negli anni Trenta rispetto al contesto europeo, i cinque capitoli che raccolgono le campagne fotografiche riproposte dagli scatti di Oppi.

Il volume è in vendita e in prenotazione nella mattinata di inaugurazione.

LO STUDIO OPPI – Sulla “storia” dello Studio fotografico Oppi abbiamo poche notizie. Giovanni Oppi nasce il 12 settembre 1885 e muore il 12 novembre 1942; il figlio, che prosegue la professione di fotografo come il padre, nasce l’8 ottobre 1932 e muore il 22 settembre 1997. Lo studio fotografico apre inizialmente in Piazza Erbe 13 per poi spostarsi in Via Cappello 5.

 

“VERONA IN CANTIERE”, il cantiere racconta – In mostra, in particolare, si trovano le immagini dei cantieri legati a tutti quegli interventi che fecero della Verona degli anni Trenta una città pienamente "moderna" ed europea: dai grandi lavori nell’area circostante ai Magazzini Generali, ai meno imponenti lavori di ordinaria manutenzione dei sottoservizi e alle reti dei trasporti a piazza Erbe e a Veronetta, dalla scala del territorio nella centrale elettrica di San Giovanni a quella dell’edificio del Palazzo dell’INA a Porta Nuova. In questa varietà di luoghi, le immagini restano quale importante testimonianza della quotidianità di una città che stava rapidamente cambiando.

La città del Novecento è stata infatti caratterizzata da trasformazioni molto rapide e radicali, strettamente collegate al processo di innovazione che in quegli anni investe la società e i suoi spazi urbani, alterandone radicalmente la forma. Cambiamenti piccoli e grandi che hanno segnato la via al nuovo: dalla pianificazione delle infrastrutture, ai trasporti, dall’utilizzo dell’energia alla nascita di importanti impianti industriali.

VERONA TRA LE DUE GUERRE, CITTA’ MODERNA E INDUSTRIALE - Nel caso di Verona questo processo di industrializzazione subì un’accelerazione proprio nel Novecento, in particolare quando cadde il vincolo militare che gravava sulla città e ne impediva l’espansione economica, sociale e quindi urbana. La crescita urbana assunse ritmi e modi incontrollati come in altre città italiane e europee.

Rapidamente sorsero gli importanti impianti industriali che costituiscono la ZAI storica (Cartiere Fedrigoni, Magazzini Generali, Manifattura tabacchi, Mercato Ortofrutticolo), a cui si accompagnò l’espansione dei quartieri periferici di Borgo Roma e Santa Lucia. Le infrastrutture vennero potenziate, con la costruzione della stazione di Porta Nuova (1922), con la diga del Chievo, la centrale elettrica di Tombetta (1923) e di San Giovanni Lupatoto. Nel 1936 vennero ultimati i lavori di lungadige S. Giorgio, mentre nel 1937 si inaugurava il filobus che collegava le stazioni di Porta Nuova e Porta Vescovo, passando per Piazza Erbe e che andava ad affiancare il tram, operativo in città fin dal 1884.

Il rapido progresso comportò così l’apertura di numerosi cantieri cittadini, grandi e piccoli, che modificarono progressivamente l’immagine complessiva della città.

La fotografia, attraverso l’immediatezza dell’immagine, testimonia questi cambiamenti, prima, durante e dopo: si fa strumento fondamentale per conoscere la storia e comprendere la realtà urbana che oggi viviamo.

«La mostra itinerante che andiamo ad inaugurare – sottolinea Alessia Canteri, presidente degli Ingegneri Veronesi, - è il frutto di una nuova e inaspettata sinergia culturale tra Ordine e territorio. Il Comitato Rionale Filippini ha messo a disposizione un materiale fotografico di grande valore storico e culturale non solo per gli Ingegneri ma per tutti i cittadini. E’ nato così questo felice connubio che ha permesso la realizzazione di una proposta culturale di spessore. Un ringraziamento dunque in primis al Comitato e in particolare a Silvana Xamo che ha catalogato e studiato tutte le immagini e al suo presidente, quindi a quanti – autori e curatori della mostra e del volume - hanno lavorato per lasciare un contributo culturale che resti a futura memoria».

«Nella rassegna Open abbiamo sempre voluto inserire, negli anni, momenti espositivi che valorizzassero la storia cittadina e del suo patrimonio culturale – sottolinea Ilaria Segala, ingegnere, coordinatore di OPEN e co-curatrice della mostra e del volume -, in particolare l’opera condotta dagli ingegneri nella trasformazione concreta della città.

Dopo le mostre sui Magazzini Generali (2014), su Villa Girasole (2015) e sui lavori dell’Adige (2016), questa iniziativa vuole testimoniare le trasformazioni seguite al processo di ammodernamento e innovazione delle infrastrutture urbane. Una nuova VISIONE, uno sguardo originale sulla trasformazione di Verona, per guardare alla città come luogo di una memoria plurima, espressione di una identità variegata, da potersi riscrivere partendo da una volontà collettiva di conoscenza».

«L’obbiettivo della mostra e della pubblicazione è duplice – sottolinea Angelo Bertolazzi, ingegnere, co-autore e co-curatore dell’intera iniziativa dell’Ordine - da un lato si vuole valorizzare un patrimonio fotografico inedito e di grande qualità che racconta in maniera diversa le trasformazioni di Verona nella prima metà del Novecento. Gli scatti fotografici dello Studio Oppi sono così silenziosi testimoni e fonte di preziose indicazioni per il domani, nel loro raccontare una metamorfosi in divenire. Con il volume si è inteso contestualizzare le campagne fotografiche dello Studio Oppi con una documentazione aggiuntiva conservata negli archivi cittadini».

«La cultura non è mai una proprietà “privata” ma è patrimonio di tutti. Il Comitato Rionale dei Filippini – spiega il presidente Pierantonio Turco - ha ricevuto questo lascito di vecchie fotografie, inedite, e da quel momento ha ritenuto che queste immagini che raccontano interessanti aspetti della vita cittadina tra le due guerre, fossero una ricchezza da mettere a disposizione dell’intera città. Un ringraziamento va dunque all’Ordine degli Ingegneri e ad AMIA che ci hanno permesso la loro divulgazione».

 ______________________________________________________________________________

Silvia Fazzini - Ufficio Stampa Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia

Cell. + 39 3899614502 - mail: ufficiostampa@ingegneri.vr.it; - www.ingegneri.vr.it; www.ingegneriverona.it

 
< Indietro      
Altri

Categorie presenti
Tutte    Archivio 2016  Archivio 2017
VERONA E I VECCHI CANTIERI. GLI INGEGNERI PORTANO NEI QUARTIERI LE IMMAGINI INEDITE DELLO STUDIO OPPI
Domani venerdì 7 luglio alle ore 18.30 vernissage alla Galleria Fuori le Mura, in Borgo Venezia. Da metà settembre in Quartiere Filippini
 
Pubblicato il 06/07/2017  

Verso il Ballottaggio - Le Professioni incontrano i candidati sindaco
Di seguito alcuni passaggi del discorso introduttivo al dibattito tenuto da Vincenzo Scaduto, Notaio - vicepresidente CUP PROFESSIONI VERONA
 
Pubblicato il 23/06/2017  

EnerGita e mobilità sostenibile, l'Ordine degli Ingegneri di Verona partner del Festival della bicicletta
L'appuntamento inserito nella Rassegna Open6 INNOVISIONI, per rilanciare il progetto dell’Ecomuseo dell’energia pulita e il riutilizzo dei percorsi de ....
 
Pubblicato il 27/04/2017  

Alessia Canteri è la nuova presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia
Sempre più rosa il Consiglio dell'Ordine con l'entrata della neoconsigliere Eleonora Ambrosi, ingegnere civile e ambientale.
 
Pubblicato il 22/12/2016  

Luca Scappini, eletto nel nuovo Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), si dimette da presidente dell'Ordine
Luca Scappini, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia da marzo 2014, è stato eletto consigliere nazionale del CNI (Consiglio Naz ....
 
Pubblicato il 12/12/2016  

A Verona il robot umanoide Walk-man. E un focus sul futuro della robotica di servizio
Intervengono Paolo Fiorini, docente di robotica al Dipartimento di Informatica dell’ateneo veronese e Francesca Negrello, ricercatrice all’IIT di Geno ....
 
Pubblicato il 23/09/2016  

Ingegneri Verona, al via un corso base-sperimentale per tecnici “professionisti della robotica di servizio”
L’iniziativa è promossa dall’Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia in collaborazione con il prof. Paolo Fiorini, docente di robotica al Diparti ....
 
Pubblicato il 09/09/2016  

Ingegneria geotecnica, grandi opere e territorio. L’apporto dei giovani ingegneri al 6° incontro IAGIG 2106
Ricerca, innovazione tecnologica e pratica professionale. A Verona 170 i partecipanti all’incontro annuale promosso dall’AGI in collaborazione con ....
 
Pubblicato il 25/05/2016  

Indirizzi

Ordine degli Ingegneri Via Santa Teresa, 12
37135 - Verona

Contatti

tel. 045 8035959
fax 045 8031634
ordine@ingegneri.vr.it

Segreteria

Lunedì, martedì e giovedì
dalle ore 09.30 alle 12.30

Lunedì, mercoledì e venerdì
dalle ore 15.30 alle 18.00

2012 Ordine Ingegneri Verona - Tutti i diritti riservati |  Credits

Agenda




Agenda
Venerdi 20 Aprile
 
Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia - Commissione Idraulica
Il cantiere della galleria scolmatrice e dell'opera di presa a pozzo (Raise Boring) del torrente Fer....
leggi tutto
Giovedi 15 Marzo
 
Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia - Commissione Idraulica
Opere di presa e scarico nelle costruzioni idrauliche; il case study della galleria scolmatrice del ....
leggi tutto
Venerdi 9 Marzo
 
Politecnico di Milano
Design for All: principi, strategie e architetture a confronto ....
leggi tutto
Mercoledi 28 Febbraio
 
Futura Sistemi e Giochi Sport
GINVE EVENT - Verde Pubblico e Sicurezza (NO CFP)....
leggi tutto
Lunedi 26 Febbraio
 
Ance Veneto
Progettare e costruire con i CAM: norme, bandi di gara e certificazioni (non riconosce CFP agli inge....
leggi tutto
Venerdi 23 Febbraio
 
Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia a Progetto Fuoco
Fuoco e costruzioni di legno - vale 3 CFP....
leggi tutto
Venerdi 23 Febbraio
 
Ordine degli ingegneri di Vicenza
Sistemi ed elementi non strutturali: approcci, codici,verifiche e prestazioni - RICONOSCE 8 CFP....
leggi tutto
Giovedi 22 Febbraio
 
Eventi AIEL a PROGETTO FUOCO il 22.02 e 23.02.2018 - NO CFP
Eventi a partecipazione gratuita previa iscrizione che permette un ingresso gratuito in fiera....
leggi tutto